Fieno greco blu

Trigonella Caerulea (famiglia delle Fabaceae)

Origine

Zone montuose dell’Europa Occidentale, specialmente le Alpi, e area del Caucaso.

Proprietà

Sin dall’antichità Egizi, Romani e Greci lo usavano come ricostituente e rinvigorente. Utile per combattere inappetenza e diabete, dato che aiuta a normalizzare gli zuccheri nel sangue.

Gusto

Simile a quello del fieno ma con note più delicate che ricordano vaniglia e liquirizia.

Uso in cucina

Si abbina molto bene ai formaggi, soprattutto quelli con un sapore delicato, tanto che in Svizzera viene prodotto un formaggio (Shabziger) proprio con questa spezia. Può essere usato per conferire un sapore profondo a piatti a base di carne come stufati e spezzatini. Contribuisce a ravvivare il sapore di verdure come patate e rape.

Curiosità

Nel cantone svizzero di Glarus, i medici usano far inalare una fialetta di Shabziger (prodotto con una notevole quantità di fieno greco blu) da far inalare a persone che hanno perso conoscenza per stabilirne o meno il decesso.

Ricette consigliate