il Sale

Il sale Halite proviene quasi esclusivamente dall’Himalaya ed è considerato il sale cristallino più pregiato al mondo, tanto da essere paragonato per il suo valore ai diamanti.

ico_sale

L’halite è un sale fossile naturale, privo di qualsiasi residuo inquinante, che si forma nella parte più interna dei giacimenti di sale himalayani e possiede elevate qualità bioenergetiche.  Le condizioni di intensa pressione che hanno determinato la creazione delle montagne dell’Himalaya hanno dato luogo alla formazione di cristalli salini perfettamente ordinati, caratterizzati da un contenuto energetico, una purezza e una qualità superiori ai sali provenienti da qualunque altro massiccio montuoso.

L’halite si presenta come un minerale di forma cubica con superfici di sfaldatura diritte e rettangolari. Il colore è naturalmente bianco per la quasi totale assenza di minerali impuri e il reticolo cristallino delle sue gemme, perfetto sia internamente che esternamente, rende questo sale unico al mondo.
 La sua ricerca è complessa e delicata, perché la qualità migliore del sale cristallino è molto rara ed è rintracciabile soltanto in vene inaccessibili a mezzi meccanici. 
Per estrarlo è necessario esaminare quantità di salgemma in un rapporto di 1:100 per peso e volume e la conservazione delle virtù naturali dell’halite è garantita solo da prelievo e lavorazione manuali.

I minerali contenuti nei cristalli di sale Halite possiedono una struttura che ne permette la facile assimilazione da parte delle cellule dell’organismo umano. La sua assunzione e le sue proprietà sono le vie più naturali e semplici per rigenerare il corpo dell’uomo, perché questo sale contiene ben 84 elementi oligominerali di cui è composto il nostro organismo. Tra i suoi benefici, il sale cristallino combatte la ritenzione di liquidi, contribuisce a regolare l’intestino ed è un potente disintossicante e nutriente dell’organismo, in particolare di vene e capillari.